Category Archives: Il Metodo Virgilio

Sono certo che una delle cose a cui tieni di più è la tua famiglia, la tua storia, le tue radici.

Non riesci a dimenticare quanta attenzione hanno riposto su di te i tuoi genitori per farti crescere SANO e FORTE. Sì perché per crescere sani e forti abbiamo bisogno di una guida, di soggetti responsabili che si prendano cura del nostro essere per condurci verso strade sicure e in piena SALUTE.

Ma come spesso accade quando ci si preoccupa troppo degli altri ci si dimentica di se stessi. Pare che nel momento in cui i nostri genitori hanno terminato la loro missione nei nostri confronti, pian piano perdano gli stimoli di vita, abbandonandosi al declino naturale e fisiologico dell’essere umano esponendolo a rischi per la salute.

La SARCOPENIA, ovvero la perdita progressiva di MASSA MUSCOLARE e quindi anche di FORZA e POTENZA (dynapenia) è sicuramente uno dei fattori che fortemente incidono sulla qualità e sulla aspettativa di vita.

 

Una progressiva e inarrestabile perdita di massa muscolare espone il soggetto anziano a cadute sempre più frequenti, molte volte fortemente debilitanti, altre anche FATALI!

Sai quando inizia questo fenomeno?

Diciamo che mediamente il deperimento muscolare inizia già dopo i 30 anni e man mano che gli anni passano la curva del declino è sempre più ripida e vertiginosa a causa soprattutto di basso livello di esercizio fisico, attività ormonale anabolica in forte calo (ormoni della crescita come il testosterone) e scarso nutrimento sia qualitativo che quantitativo.

LA SCELTA

Non abbiamo molte scelte, le strade sono essenzialmente due, non ci sono vie di mezzo e scorciatoie, o ci si allena e si magia in maniera adeguata e con regolarità in maniera tale da affrontare la FRAGILE ETA’ in piena autonomia o ci si siede tenendo le dita incrociate…

Spetta a noi, incoraggiare i nostri anziani a mantenere uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata ed esercizio fisico regolare, la RESPONSABILITA’ ADESSO E’ NOSTRA, il rovescio della medaglia è compiuto.

Vuoi migliorare la tua condizione o quella di una persona a te cara?
Non perdere tempo prezioso:

STRATEGIE EFFICACI

a cura di Luigi Romano Virgilio Master Trainer e Responsabile del Metodo Virgilio JUMP

La sarcopenia è una condizione caratterizzata dalla perdita progressiva di massa e forza muscolare, che può portare a una riduzione della capacità funzionale e della qualità della vita in persone anziane. L’esercizio fisico è uno dei principali trattamenti non farmacologici raccomandati per prevenire e migliorare la sarcopenia.

L’efficacia dell’esercizio fisico nel trattamento della sarcopenia è stata ampiamente dimostrata in diversi studi. Gli esercizi di resistenza, come il sollevamento pesi, sono particolarmente efficaci nell’aumentare la massa muscolare e la forza, mentre gli esercizi aerobici, come la camminata, la corsa o la bike, possono migliorare la resistenza muscolare e cardiorespiratoria.

IL NOSTRO APPROCCIO

Un’arma per prevenire e contrastare il fenomeno
    1. Test funzionali specifici che evidenziano la qualità dei movimenti a seconda della condizione del soggetto. Essi vengono eseguiti da personale specializzato, esperti del movimento nella figura del Dott. Simone Berberio.
    2. Test di forza specifici che evidenziano il grado di deficit di forza e che collocano il soggetto su una precisa scala di valutazione, opportuna per capire lo stato iniziale del soggetto e coordinare le future valutazioni (re-test).

      L’HANDGRIP STRENGTH TEST (HGS), misuratore della forza di presa, è sicuramente uno dei test più rilevanti circa la diagnosi e lo stato di avanzamento della sarcopenia. Il limite predittivo la comparsa della malattia è di 27 Kg per gli uomini e di 16 Kg per le donne (gruppo di lavoro Europeo EWGSOP II).

      La Ricerca
      
      Le fratture dell'anca sono un grave problema di salute [1,2,3] e hanno tassi di mortalità relativamente alti, con dal 18% al 33% in un anno.[ 4] Le fratture dell'anca causano disabilità permanente in circa il 20% dei sopravvissuti, e solo circa il 40% di loro è noto per recuperare la propria funzione al livello pre-infortunio.[ 4] Pertanto, è emersa la necessità di fattori prognostici, che potrebbero prevedere il tasso di mortalità e il grado di recupero funzionale dopo le fratture dell'anca.[ 5,7] Tra questi, il ruolo della forza muscolare sta attirando l'attenzione, e la forza muscolare inferiore è conosciuta come uno dei fattori prognostici.[ 7,8,9] L’ Hand Grip Strength (HGS) è noto come un buon indicatore della forza muscolare complessiva,[15] quindi ci sono molteplici studi sul suo valore prognostico nei pazienti con fratture dell'anca. La maggior parte degli studi ha riportato un HGS relativamente basso nei pazienti con fratture dell'anca. Coupland et al. [10] hanno scoperto che il rischio di frattura dell'anca è stato significativamente aumentato con un calo dell'HGS quando si confrontano i pazienti con fratture dell'anca di età superiore ai 50 anni con l'età e i controlli abbinati al sesso. Bean et al. [11] hanno riferito che i pazienti con frattura dell'anca hanno mostrato un HGS significativamente più basso rispetto ai controlli in uno studio che ha confrontato 50 donne con frattura dell'anca con controlli abbinati all'età. Cawthon et al. [12] hanno scoperto che il rischio di frattura dell'anca era in aumento negli uomini che non erano in grado di completare la misura HGS, il che suggeriva una significativa debolezza muscolare. Kärkkäinen et al. [13] che c'era una correlazione tra la diminuzione dell'HGS e il rischio di frattura dell'anca in uno studio prospettico su 2.928 donne in post-menopausa. Denk et al. [14] hanno eseguito una revisione sistematica sull'associazione tra diminuzione dell'HGS e frattura dell'anca con 6 casi-controllo e 5 studi di coorte. Ha scoperto che l'HGS debole era associato ad un aumento del rischio di frattura dell'anca in tutti gli studi inclusi.[ 14]
    3. Esami specifici ematochimici, test antropometrici, valutazione tricompartimentale (Bioimpedenziometria) anamnesi nutrizionale, eseguiti esclusivamente dal nostro Medico Nutrizionista Dott. Francesco Giorgio.
    4. Programmazione e somministrazione dell’allenamento specifico sulla base delle visite effettuate.

Vuoi sapere come stai?
Effettua una valutazione:

Attività fisica efficace

La durata e l’intensità dell’esercizio fisico DEVONO essere personalizzate in base alle esigenze individuali e alla condizione fisica della persona. In generale, si raccomanda di eseguire almeno due sessioni di esercizio fisico di resistenza alla settimana, con un volume di esercizio progressivo e un’intensità inizialmente medio-bassa e successivamente moderata.

Approfondimento

STRATEGIE NUTRIZIONALI

a cura del Dott. Francesco Giorgio Dietietic & Cilnical Nutrition – Human
Nutrition Science Specialist JUMP

L’aging è associato a profondi cambiamenti nella composizione corporea, in particolare a carico della massa muscolare scheletrica definito con il nome di sarcopenia, che rappresenta un fattore determinante della fragilità, disabilità e mortalità nell’anziano.

I meccanismi identificati che portano allo sviluppo della sarcopenia, (alterazione dello stato ormonale, infiammazione, alterazioni neuromuscolari, disfunzione mitocondriale, alterazione del metabolismo proteico, sedentarietà) portano ad uno squilibrio dell’omeostasi tra anabolismo e catabolismo, che si traduce in una perdita delle proteine ​​muscolari, a cui segue un inevitabile declino della massa e della funzione muscolare nell’anziano.

Fig. 1 La sarcopenia è legata a numerose cause quali: alterazione del metabolismo proteico, diminuzione dei livelli ormonali, alterazioni neuromuscolari, sedentarietà e scarsa attività fisica, malnutrizione proteico/energetica, aumento del tesuto adiposo e aumento dello stress ossidativo.

A questo si aggiunge una riduzione dell’assunzione del cibo tipica dell’anziano, spesso caratterizzata da condizioni patologiche età-correlate, e da una riduzione fisiologica dell’appetito; inoltre con l’invecchiamento si assiste ad una modificazione delle abitudini alimentari, in cui l’anziano predilige alimenti come frutta, verdura, cereali a discapito di alimenti proteici. La conseguenza di questi fattori evolve in una condizione di malnutrizione, soprattutto negli anziani ospedalizzati.

Fig. 2 Fattori che determinano un maggior fabbisogno proteico ​​nelle persone anziane. Recommendations from the ESPEN Expert Group.

Fig. 3 Fattori che determinano una riduzione dell'apporto proteico nelle persone anziane.

La ricerca negli ultimi anni si è concentrata nel trovare trattamenti efficaci per gestire questa condizione, e in tale contesto, un adeguato apporto proteico/energetico ​​insieme ad un adeguato esercizio fisico (con sovraccarichi e di tipo aerobico) è stata indicato, al momento, la strategia più efficace per contrastare la sarcopenia. In particolare due position paper, il Prot Age Study Group e l’ Espen Expert Group  hanno convocato un gruppo di esperti per sviluppare strategie nutrizionali per la prevenzione e la gestione della sarcopenia, riconoscendo anch’essi un ruolo centrale dell’esercizio fisico e di una adeguata assunzione di proteine ​​e aminoacidi nell’anziano, evidenziato che  negli anziani, l’RDA raccomandato per le persone adulte (0,8 grammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno), non soddisfa  il livello medio assunzione proteica sufficiente a stimolare la sintesi proteica e contrastare lo sviluppo della sarcopenia. Alla luce di queste considerazioni, un apporto proteico giornaliero di 1,0 – 1,2 grammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno è stato riconosciuto dallo studio PROT-AGE  come la quantità minima, necessaria per contrastare la perdita muscolare durante l’invecchiamento, e di 1,2 a 1,5 grammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno, per gli anziani affetti da patologie (ad eccezione di anziani affetti da patologia renale), con un’assunzione ancora maggiore per gli anziani gravemente malati e malnutriti.

Inoltre la maggior parte degli studi concordano sul fatto che la quantità di proteine introdotte dovrebbe essere distribuita in modo bilanciato nei 3 pasti principali, ​​di alta qualità, per stimolare più efficacemente la sintesi proteica nell’arco della giornata e per rallentare la progressione della sarcopenia.

Fig. 4 Le fonti proteiche devono esserre sia di origine animale che vegetale, non processate, ricordando che le proteine di origine animale possiedono un valore biologico più alto, rispetto alle proteine di origine vegetale in quanto presentano uno spettro aminoacidico più complete.

Anche la cinetica di assorbimento e la composizione aminoacidica delle proteine ​​alimentari sono fattori importanti da prendere in considerazione, in quanto influenzano la sintesi proteica postprandiale. Alcune evidenze scientifiche hanno dimostrato che nell’anziano, l’assunzione di proteine ​​del siero del latte stimola la sintesi proteica ​​postprandiale in modo più efficiente rispetto alla caseina e alle proteine della soia. In particolare, gli aminoacidi essenziali (EAA) sono lo stimolo primario per la sintesi proteica. Di questi, l’aminoacido ramificato leucina, grazie alla sua capacità di attivare l’mTOR e di inibire l’attivazione delle vie di segnalazione del catabolismo proteico, è risultato il principale aminoacido essenziale che regola il turnover delle proteine ​​muscolari. Nonostante l’anziano sarcopenico mostra una resistenza anabolica a basse dosi di EAA, l’aggiunta di 3 g di leucina, si è dimostrata in grado di superare tale resistenza anabolica, stimolare la sintesi proteica e inibire il catabolismo muscolare.

Per quanto riguarda l’eventuale associazione tra elevato apporto proteico nell’anziano e possibili effetti nocivi sull’osso e la funzionalità renale, ad oggi, sulla base delle raccomandazioni nutrizionali per l’anziano sarcopenico, non è stata confermata dalla maggior parte degli studi.

La sarcopenia rappresenta il punto cruciale dell’aging e data la complessità ed eterogeneità della sua patogenesi è meritevole di ulteriori approfondimenti per ottimizzare l’efficacia di interventi nutrizionali. Tuttavia, la mole di dati in letteratura concordano sulla necessità di aumentare l’apporto proteico giornaliero nell’anziano sarcopenico, dimostrando di produrre miglioramenti significativi sulla massa e sulla forza muscolare, soprattutto se combinati con l’esercizio fisicoFacendo riferimento al detto “prevenire è meglio che curare” (che non rappresenta il modo di agire nel nostro paese), sarebbe opportuno identificare i soggetti a rischio di diventare sarcopenici già in età adulta, in modo tale da poter attuare delle strategie di intervento evidenziate in questo articolo in modo tempestivo, per evitare che il declino neuromuscolare raggiunga una condizione critica.

Sei pronto a migliorare la tua condizione?
Non rischiare di perdere questa occasione unica:
CONTATTACI SUBITO!





    Privacy Policy

    Bibliografia

    Riferimenti Strategie Efficaci

    1. Cooper C, Atkinson EJ, Jacobsen SJ, et al. Population-based study of survival after osteoporotic fractures. Am J Epidemiol. 1993;137:1001–1005. [PubMed] [Google Scholar]

    2. Fisher ES, Baron JA, Malenka DJ, et al. Hip fracture incidence and mortality in New England. Epidemiology. 1991;2:116–122. [PubMed] [Google Scholar]

    3. Parker MJ, Anand JK. What is the true mortality of hip fractures? Public Health. 1991;105:443–446. [PubMed] [Google Scholar]

    4. Magaziner J, Fredman L, Hawkes W, et al. Changes in functional status attributable to hip fracture: a comparison of hip fracture patients to community-dwelling aged. Am J Epidemiol. 2003;157:1023–1031. [PubMed] [Google Scholar]

    5. Xu BY, Yan S, Low LL, et al. Predictors of poor functional outcomes and mortality in patients with hip fracture: a systematic review. BMC Musculoskelet Disord. 2019;20:568. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

    6. Hershkovitz A, Yichayaou B, Ronen A, et al. The association between hand grip strength and rehabilitation outcome in post-acute hip fractured patients. Aging Clin Exp Res. 2019;31:1509–1516. [PubMed] [Google Scholar]

    7. Di Monaco M, Castiglioni C, De Toma E, et al. Handgrip strength but not appendicular lean mass is an independent predictor of functional outcome in hip-fracture women: a short-term prospective study. Arch Phys Med Rehabil. 2014;95:1719–1724. [PubMed] [Google Scholar]

    8. Wehren LE, Hawkes WG, Hebel JR, et al. Bone mineral density, soft tissue body composition, strength, and functioning after hip fracture. J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2005;60:80–84. [PubMed] [Google Scholar]

    9. Beloosesky Y, Weiss A, Manasian M, et al. Handgrip strength of the elderly after hip fracture repair correlates with functional outcome. Disabil Rehabil. 2010;32:367–373. [PubMed] [Google Scholar]

    10. Coupland C, Wood D, Cooper C. Physical inactivity is an independent risk factor for hip fracture in the elderly. J Epidemiol Community Health. 1993;47:441–443. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

    11. Bean N, Bennett KM, Lehmann AB. Habitus and hip fracture revisited: skeletal size, strength and cognition rather than thinness? Age Ageing. 1995;24:481–484. [PubMed] [Google Scholar]

    12. Cawthon PM, Fullman RL, Marshall L, et al. Physical performance and risk of hip fractures in older men. J Bone Miner Res. 2008;23:1037–1044. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

    13. Denk K, Lennon S, Gordon S, et al. The association between decreased hand grip strength and hip fracture in older people: A systematic review. Exp Gerontol. 2018;111:1–9. [PubMed] [Google Scholar]

    14. Kamiya K, Kajita E, Tachiki T, et al. Association between hand-grip strength and site- specific risks of major osteoporotic fracture: Results from the Japanese Population-based Osteoporosis Cohort Study. Maturitas. 2019;130:13–20. [PubMed] [Google Scholar]

    15. Cruz-Jentoft AJ, Baeyens JP, Bauer JM, et al. Sarcopenia: European consensus on definition and diagnosis: Report of the European Working Group on Sarcopenia in Older People. Age Ageing. 2010;39:412–423. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

    Riferimenti Strategie Alimentari

    • Ali S, Garcia JM. Sarcopenia, cachexia and aging: diagnosis, mechanisms and therapeutic options – a mini-rewiew. Gerontology. 2014;60 (4): 294 -305.
    • Hébuterne , Bermon S , Schneider SM . Ageing and muscle: the effects of malnutrition, re-nutrition, and physical exercise. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2001;4 (4): 295-300.
    • Jürgen Bauer MD, Gianni Biolo MD, PhD, Tommy Cederholm MD, PhD, Matteo Cesari MD, PhD, Alfonso J. Cruz-Jentoft MD, John E. Morley MB, BCh, Stuart Phillips PhD, Cornel Sieber MD, PhD, Peter Stehle MD, PhD, Daniel Teta MD, PhD, Renuka Visvanathan MBBS, PhD, Elena Volpi MD, PhD, Yves Boirie MD, PhDm. Evidence-Based Recommendations for Optimal Dietary Protein Intake in Older People: A Position Paper From the PROT-AGE Study Group.
    • Volpi E, Campbell WW, Dwyer JT, Johnson MA, Jensen GL, Morley JE, et al. Is the optimal level of protein intake for older adults greater than the recommended dietary allowance? J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2013; 68(6): 677–81.
    • Nicolaas E. P. Deutza, Jurgen M. Bauerb, Rocco Barazzonic, Gianni Biolod, Yves Boiriee, Anja Bosy-Westphalf, Tommy Cederholmg, Alfonso Cruz-Jentofth, Zeljko Krznarici, K. Sreekumaran Nairj, Pierre Singerk, Daniel Tetal, Kevin Tiptonm, and Philip C. Caldern. Protein intake and exercise for optimal muscle function with aging: Recommendations from the ESPEN Expert Group.
    • Tieland M, Dirks ML, van der Zwaluw N, et al. Protein supplementation increases muscle mass gain during prolonged resistance-type exercise training in frail elderly people: A randomized, double-blind, placebocontrolled trial. J Am Med Dir Assoc 2012; 13: 713 e 719.
    • Boirie Y. Physiopathological mechanism of sarcopenia. J Nutr Health Aging 2009;13: 717 e 723.
    • Hunt JR, Johnson LK, Fariba Roughead ZK. Dietary protein and calcium interact to influence calcium retention: a controlled feeding study. Am J Clin Nutr. 2009; 89: 1357 – 65.
    • Katsanos CS, Kobayashi H, Sheffield-Moore M, Aarsland A, Wolfe RR. A high proportion of leucine is required for optimal stimulation of the rate of muscle protein synthesis by essential amino acids in the elderly. Am J Physiol Endocrinol Metab. 2006 Aug; 291(2): E381-7.
    • Bauer JM, Verlaan S, Bautmans I, Brandt K, Donini LM, Maggio M, McMurdo ME, Mets T, Seal C, Wijers SL, Ceda GP, De Vito G, Donders G, Drey M, Greig C, Holmbäck U, Narici M, McPhee J, Poggiogalle E, Power D, Scafoglieri A, Schultz R, Sieber CC, Cederholm T. Effects of a vitamin D and leucine-enriched whey protein nutritional supplement on measures of sarcopenia in older adults, the PROVIDE study: a randomized, double-blind, placebo-controlled trial. J Am Med Dir Assoc. 2015 Sep 1;16(9): 740-7.
    • Tieland M, Borgonjen-Van den Berg KJ, van Loon LJ, de Groot LC. Dietary protein intake in community-dwelling, frail, and institutionalized elderly people: scope for improvement. Eur J Nutr. 2012 Mar;51(2):173-9.

    Sono Luigi Romano, Responsabile del Metodo Virgilio. Oggi vorrei soffermarmi sul perché abbiamo scelto di affrontare una sfida molto complessa nel mondo del fitness. La nostra sfida si chiama METODO VIRGILIO.

    Chi è Virgilio?

    “Nella Commedia Virgilio compare nel Canto I dell’Inferno, quando soccorre Dante dalle tre fiere nella selva oscura e da lì lo conduce nel viaggio attraverso due dei tre regni dell’Oltretomba (Inferno e Purgatorio). Il poeta latino è allegoria della ragione naturale dei filosofi pagani, in grado di condurre l’uomo alla felicità terrena e al pieno possesso delle quattro virtù cardinali (prudenza, fortezza, temperanza e giustizia): infatti il Virgilio dantesco guida il discepolo sino al Paradiso Terrestre, in cima al monte del Purgatorio, dove il suo posto è preso da Beatrice, allegoria della grazia divina e della teologia rivelata…”

    Il peso della responsabilità

    Così come per Dante, Virgilio è un punto di riferimento lungo tutto il viaggio nell’inferno e nel purgatorio, una guida e un Maestro, il nostro METODO vuole supportare il cliente JUMP ed accompagnarlo allo stesso modo, nel suo percorso di crescita.

    Il nostro lavoro è frutto di formazione, esperienza, condivisione, cooperazione e BUON SENSO.
    Suona strano nel mondo d’oggi parlare di buon senso; nell’era della tecnologia, del massimo contributo scientifico, della massiccia divulgazione sui mezzi social di teorie, metodi e mezzi di allenamento.

    Bene, ma non dimentichiamoci che abbiamo a che fare con esseri umani e che il minimo errore può compromettere lo stato di SALUTE dello stesso a volte anche irrimediabilmente.

    Conoscere lo stato di salute del nostro ospite dopo attente valutazioni iniziali dal punto di vista Ematologico, Nutrizionale, del proprio Vissuto, del Movimento Funzionale, delle espressioni di Forza, Resistenza e Equilibrio, quelle tecnicamente denominate Capacità Condizionali e Coordinative, ci permette di entrare nel suo mondo con più attenzione e decisione per determinare il giusto percorso da intraprendere.

    Cerchiamo di non trascurare nulla, in particolare curiamo ogni aspetto di cui necessita un individuo per migliorare il suo stato di salute e condurlo verso una vita longeva attraverso una maggior consapevolezza del proprio potenziale Motorio, Neuro-Muscolare e Organico.

    Non dobbiamo dimenticare che siamo Professionisti del Movimento e della Salute, e la nostra vocazione ci impone di mettere a frutto ogni nostra risorsa e competenza scientifica, al fine di poter aiutare le persone ad intraprendere un cammino in totale sicurezza.

    Non solo muscolo e fiato

    Passo dopo passo, dal semplice al complesso, bisogna favorire un apprendimento motorio che passa attraverso SUCCESSI e non INSUCCESSI. Una specializzazione precoce dell’esercizio, senza la consapevolezza del movimento, conduce inevitabilmente a perdita di motivazioni, esposizione ad infortuni e rallentamento del processo di crescita.

    i 5 punti cardine del metodo virgilio

    1 Percepire il proprio respiro

    Saper riconoscere e utilizzare il diaframma, cuore della stabilità e responsabile di numerosi funzioni salutari per il nostro organismo, è per noi un passaggio fondamentale per una prima connessione mente e corpo.

    2 Il contatto con il suolo

    Ridiamo vitalità ai recettori del PIEDE, lavoriamo molto a piede scalzo per favorire una più fine sensibilizzazione, utile ad una migliore postura in condizioni statiche e dinamiche.

    3 Il movimento armonico

    Una migliore MOBILITA’ articolare, permetterà di muoverci in forme più complesse e armoniose utili allo sviluppo di esercizi via via più complessi e efficaci, prevenendo fenomeni infiammatori di varia natura e condurre l’ospite di JUMP verso un benessere fisico totale.

    4 Prevenire gli infortuni

    Rinvigorire il corpo attraverso esercitazioni per lo sviluppo della tonicità e trofismo MUSCOLARE, uno dei fattori di rischio responsabile di cadute accidentali, a volte fatali, soprattutto in soggetti di terza età.

    Vi sono studi statistici effettuati negli Stati Uniti che confermano questo problema: si tratta quindi principalmente di una sindrome geriatrica.

    Tra gli anziani ospedalizzati dopo una caduta, solo la metà sopravvive più di un anno, mentre le cadute ripetute e l’instabilità portano solitamente al ricovero in residenze assistite.

    5 Imparare a gestire l’ossigeno

    Un buon livello di forma fisica AEROBICA è importante per la salute e il benessere in generale, oltre che per le prestazioni sportive.

    Il livello di forma fisica aerobica è definito come il massimo consumo di ossigeno (VO2 max). In altre parole, ci mostra quanto efficacemente l’organismo può utilizzare l’ossigeno. Più elevato è questo valore, più efficacemente si può utilizzare l’ossigeno. La stima del livello di forma fisica si basa sul rilevamento della risposta della frequenza cardiaca durante ogni allenamento registrato, su bassa, media, alta e altissima intensità.

    Scalabilità degli allenamenti su base INDIVIDUALE

    Il processo di crescita è continuo, vi è un inizio, ma non vi è mai una fine, c’ è sempre un obiettivo, nel momento in cui ci si ferma apriamo inevitabilmente le porte al naturale e progressivo declino di tutte le capacità sopra citate.

    A più livelli e sulla base delle capacità o incapacità del nostro ospite, viene individualizzato un percorso di allenamento, fatto di obiettivi valutabili all’interno del percorso stesso, sotto l’occhio vigile dei RESPONSABILI DEL METODO.

    Sulla base della condizione fisica dell’ospite vengono valutati attentamente rischi e benefici di ogni esercizio, al fine di non interferire negativamente sulla salute del soggetto. L’ esercizio fisico è un potente farmaco naturale per migliorare lo stato psico-fisico, ma allo stesso tempo può essere uno “STRESSOR”. Saper dosare per una risposta positiva e efficace è frutto di numerose variabili che fanno del nostro metodo “un fortino” per tutto lo staff tecnico.

    Luigi Romano
    Virgilio Master Trainer
    Responsabile del Metodo Virgilio JUMP

    Sei pronto a migliorare la tua condizione?
    Non rischiare di perdere questa occasione unica:
    CONTATTACI SUBITO!





      Privacy Policy